Recensione X-Box 360
Titolo del gioco:
Dance Central 3
Anno di uscita:
2012
Genere:
Music, Rhythm, Exercise, Casual
Sviluppatore:
Harmonix Music Systems, Backbone Entertainment
Produttore:
Harmonix Music Systems
Distributore:
Microsoft Studios
Multiplayer:
Si
Localizzazione:
Solo testo, no audio
Sito web:
Requisiti minimi:
-
  •  Lima e Rasa, i due agenti D.C.I. superiori
  •  Il mavagio dottor Tan con le sue schiere di seguaci
  •  Facciamo un salto negli anni '70!
  •  Gli anni '80, zone suburbane e ritmo Hip Hop
  •  Nei '90 gli stili stravaganti si mescolano.
  •  Anni 2000, tecnicismi e super-ego.
  •  Ecco "Boomy", il radione-temporale della D.C.I.
  •  Pronti per entrare in azione!
  •  Il dottor Tan mostra la sua... incontenibile gioia!
  •  Batti il tuo avversario facendo più punti.
  •  I nostri superiori mentre si pavoneggiano un po' (anche loro hanno il diritto di rilassarsi, qualche volta)
  •  Acconciature vaporose e pantaloni a zampa di elefante. Questi sono gli anni '70!
  •  Un'altra immagine dei '70: la discoteca con i pavimenti luminosi e le sfere a specchi.
  •  Seguiamo il ritmo e riproduciamo bene il movimento per vincere!
  •  Let's Dance! ("put on your red shoes and dance the blues" - David Bowie citato da CJ)
Redattore:  Andrew 'andrewolf88' Wolf                        Pubblicato il:  14/12/2012
Mettete da parte le superstizioni e tenete il ritmo! Quest'anno il divertimento sarà direttamente a casa vostra con un gioco che vi farà perdere la testa!
I criminali al giorno d’oggi non sono più quelli di una volta con il borsalino in testa, il pastrano marrone e il revolver. Oggi alcuni sono insospettabili signori in giacca e cravatta comodamente seduti dietro una scrivania, oppure dei megalomani che vogliono conquistare il mondo a passi di danza!
Dance Central 3 è in assoluto il primo gioco per Xbox che sfrutta al massimo tutte le potenzialità Kinect, partendo dal totale coinvolgimento del corpo e arrivando perfino alla voce.Un gioco super tecnico, ricco e frizzante che, come chicca finale, ha perfino una storia! Ma procediamo con ordine.


DANCE CENTRAL STORY

In modalità Storia noi siamo degli aspiranti agenti della D.C.I. (Dance Central Intelligence), una organizzazione di servizi segreti che rappresenta l’ultima linea di difesa contro i crimini del ballo (eeehh??? -NdCJ). Dopo un primo “test attitudinale” a base di musica dance, veniamo arruolati in squadra come agenti dei servizi segreti della D.C.I. Il nostro compito è sostanzialmente quello di viaggiare nel tempo alla ricerca dei balli e dei tormentoni tipici dei decenni dagli anni ’70 ai giorni nostri per contrastare il malvagio dottor Tan, che vuole utilizzare questi passi di danza per annullare ogni tipo di creatività, distruggere Dance Central e conquistare l’intero mondo del ballo! (Per quel che mi riguarda se lo può anche tenere -NdCJ)

Il mezzo che ci consente di viaggiare nel tempo è un enorme radione chiamato Boomy che, per poter funzionare, deve essere caricato con l’energia stellare sprigionata dai balli. Quindi, per non rimanere intrappolati in nel tempo dobbiamo ballare! Questo marchingegno misura la nostra performance alla fine di ogni ballo, mostrandoci il totale dei punti ottenuti e il nostro livello di stelle riempite che va da 1 a 5. Ogni decennio ha le sue hit e il suo tormentone.

Incontreremo anche altri agenti della D.C.I rimasti intrappolati in ogni epoca. Il tormentone serve per completare la carica del radione Boomy e consentirci di ritornare alla base, nel presente, portando con noi gli agenti della D.C.I.. Il tormentone, come si sa, è il brano più famoso di una determinata annata e si può sbloccare quando si trovano e si ballano correttamente i “passi tormentone” sparsi nelle altre hit del decennio. Non sono presenti in tutte le hit, quindi bisogna cercarli bene. Lo scopo di tutto questo? Oltre a soccorrere gli altri agenti della D.C.I. rimasti bloccati nelle diverse epoche, sarà soprattutto di imparare tutti i passi di danza per poter battere nella sfida finale il malvagio dottor Tan, che ci sfiderà con tutti i tormentoni e in un intricatissimo freestyle finale, nel quale dovremo ballare liberamente compiendo mosse migliori delle sue.

LET'S DANCE

In verità lo Story Mode è solo un pretesto simpatico che ha come reale scopo quello di spingere i giocatori ad apprendere i vari balli in modalità pratica per poter riuscire a ballarli durante la storia. Il vero cuore del gioco, infatti, sta soprattutto nello spirito festoso del ballo di gruppo e nelle competizioni; il Team di sviluppo Harmonix cercato di ricreare quella tipica atmosfera andando direttamente a pescare le hit degli anni ’70 (es.Disco Inferno, the hustle), ’80 (es.Da Butt), ’90 (es.Macarena) e 2000 (es.Mr. Saxobeat). Questi brani sono tantissimi e suddivisi per complessità sotto le voci “riscaldamento, semplice, intermedio, tosto, mitico, estremo, ultimo grido”. Nella sezione Balla del menù principale possiamo scegliere di avviare subito una Esibizione , in cui ci cimenteremo in una sfida con noi stessi selezionando uno tra i brani nell’elenco e uno dei tre livelli di difficoltà; oppure possiamo decidere di esercitarci o di sfidare/cooperare con altri giocatori nelle altre modalità: Pratica, Gara, Via alla festa e Confronto.

In modalità Pratica scegliamo un brano che vogliamo imparare o approfondire; questo ci viene insegnato passo dopo passo, suddividendolo in parti e ripetendo ogni sequenza di passi per tre volte. Possiamo eseguirlo per intero oppure scegliere solo una determinata sequenza. Il computer, grazie ad una gentile ed onnipresente voce, ci dirà man mano se stiamo procedendo bene, eseguendo correttamente tutti i passi, e alla fine ci verranno assegnati un punteggio e una percentuale che indica la corretta esecuzione. Nella modalità Gara siamo in una sfida testa a testa con un nostro amico e vince chi dei due fa più punti, quindi chi balla meglio. Via alla festa, invece, è una modalità parecchio divertente nella quale tutti i giocatori, fino a otto, ballano insieme! (In questo caso vi occorrerà davvero una stanza particolarmente grande! -Ndr). In Confronto, infine, si formano due squadre fino a un massimo di otto giocatori totali che si devono sfidare a vicenda a chi fa più punti.

Se invece vogliamo cominciare subito a ballare, c’è la sezione Via alla festa, subito sotto il menù principale nella schermata del titolo. Qui ci vengono proposti immediatamente un brano e una difficoltà casuali che possiamo affrontare subito da soli o in compagnia di amici. Se non ci piace, possiamo passare al successivo, che viene scelto sempre casualmente. Nel caso non compiamo nessuna azione entro un minuto di tempo circa, il brano visualizzato cambia automaticamente .Via alla festa è un modo utile per entrare subito nel vivo dell’azione senza perdere tempo.

PER NATALE TENIAMOCI IN FORMA!

Nel menù principale si trova l’interessante modalità Allenamento, che consente di stabilire degli obiettivi di allenamento, bruciare le calorie e segnare i progressi compiuti. Dobbiamo inserire i nostri dati di altezza, peso, anno di nascita e sesso, poi stabilire i nostri obiettivi, ossia quanti giorni alla settimana vogliamo allenarci e in quali, e quante calorie vogliamo bruciare. In base ai dati inseriti, il gioco elabora un “percorso” di allenamento “adeguato” alle nostre caratteristiche. Possiamo addirittura crearci la nostra playlist personalizzata e impostare una funzione che ci ricorda quando è giunto il momento di allenarci. Il tutto è segnato in una pratica tabella che tiene memorizzati i giorni di allenamento, le calorie bruciate e la durata della nostra attività per i singoli obiettivi settimanali che ci siamo prefissi, per l’intera sessione e nel totale. Le indicazioni sulle calorie bruciate sono ovviamente approssimative e variano in base al brano scelto, al livello di difficoltà impostato e ad altri fattori individuali come l’altezza e il peso. In questo modo possiamo bruciare calorie e contemporaneamente divertirci!

A SCUOLA DI BALLO

La domanda che vi sarete fatti fino ad ora è :"Sì, ma se non ho mai ballato in vita mia, come faccio a giocare bene? E se mi dimentico i passi imparati nella modalità allenamento?" Nessun timore (vi parla uno che non ha assolutamente una predilezione per il ballo-Ndr) (e siamo in due -NdCJ). Per ballare un brano dobbiamo semplicemente seguire in maniera speculare il personaggio che abbiamo scelto, che sarà presente sullo schermo (calato ad hoc in una contesto adeguato all’annata di appartenenza del brano -Ndr). Il Kinect legge i nostri movimenti in maniera molto precisa e se abbiamo una parte fuori posto rispetto al personaggio, questi avrà quella parte contornata di rosso, ad avvisarci che dobbiamo correggere la nostra posizione. A seconda della difficoltà impostata, cambia sensibilmente anche il livello di “tolleranza” riguardo la fedeltà delle movenze.

Oltre questo, la struttura grafica presenta sempre delle icone laterali che indicano schematicamente le movenze da eseguire in tempo reale e un riquadro che mostra la nostra la sagoma di noi stessi ripresa dal Kinect, per farci rendere conto di come ci muoviamo.

A seconda della nostra bravura nel riprodurre i movimenti, sullo schermo compariranno delle scritte intorno al personaggio per indicarci la qualità dei nostri passi: meglio balliamo, più punti riceviamo. Al termine dell’esecuzione ci viene detto quanti passi abbiamo fatto Bene e quanti ne abbiamo fatti in modo Perfetto

Abbiamo a nostra disposizione tre livelli di difficoltà: facile, normale e difficile. In difficoltà facile i passi di danza sono semplificati in quanto occorre seguirne solo una parte, mentre i nostri movimenti vengono valutati in modo non molto severo. Al contrario, in modalità difficile abbiamo la vera essenza del gioco, con il brano dotato di tutte le reali movenze e il sensore Kinect che valuta i nostri movimenti in maniera davvero scrupolosa! (se non siete davvero ma davvero bravi, in questa modalità vi sentirete frustrati anche ballando la Macarena -Ndr).

All’interno della sezione Balla, esclusa la modalità Pratica, è presente anche la difficoltà Principiante, per rendere un pezzo il più possibile alla portata di chiunque.

ONLINE

Le possibilità di sfide online in Dance Central 3 è rappresentata dalla sezione Sfide dal vivo. Qui ci viene presentato un elenco di sfide periodicamente proposte dallo stesso team di sviluppo o che ci vengono lanciate da altri amici che possiedono il gioco. Nel primo caso il nostro scopo è di raggiungere un determinato punteggio per poter vincere le medaglie di bronzo, argento oppure oro. Nel secondo dobbiamo riuscire a superare un determinato record di punti che il nostro sfidante ha già realizzato in un determinato brano. La difficoltà del brano influisce sul punteggio: più è difficile un pezzo, maggiore è il quantitativo di punti ottenuti. Le sfide vanno a periodi e rimangono valide solo per un certo tempo, quindi se non si superano non c’è problema, perché ogni periodo è un nuovo inizio rappresentato da sfide sempre diverse! Una volta completato un brano di una sfida, se siamo stati particolarmente bravi possiamo anche decidere di vantarci pubblicando online il nostro risultato e, volendo, possiamo pure lanciare una sfida per vedere chi riuscirà a battere il nostro record.

GANGNAM STYLE!

Un altro aspetto interessante dell'Online è la possibilità di scaricare balli nuovi dal marketplace, acquistandoli e importandoli nel gioco, e rendendo in questo modo l'esperienza di gioco potenzialmente illimitata! (Il sottoscritto Wolf ha scaricato la nuova hit del momento, il Gangnam Style di Psy, e devo ammettere che è una roba davvero intricata anche a difficoltà facile. Le risate e il sudore si sono sprecati, ma tuttosommato è stato divertente!-Ndr)

MINI GIOCHI RIVOLUZIONARI

In Dance Central 3 sono presenti anche due interessantissimi mini giochi. Il primo è Fai un passo, dove in un qualunque momento nel corso di una sfida con un altro giocatore ci viene chiesto di eseguire un passo/movenza del tutto improvvisato e inventato da noi, ripetendolo 4 volte di fila stando a tempo con la musica. Il gioco registra i nostri passi, dopo di che il nostro avversario deve provare a ripeterli per segnare più punti; successivamente toccherà a lui creare il suo passo. Infine il gioco propone entrambi i passi creati per ballarli in contemporanea in un gran finale!

Il secondo, invece è Tieni il tempo, una vera rivelazione nel campo Kinect e dei giochi di danza. Invece di fare mosse a turno, due giocatori devono semplicemente ballare al ritmo di un brano scelto, senza suggerimenti di nessun tipo. Dance Central 3 rileva se ci si sta muovendo ritmicamente e se si riesce a rimanere in sincronia con la musica per un tempo sufficiente si possono ottenere sempre più punti. È davvero incredibile come il team di sviluppo sia riuscito a integrare un sistema di lettura del movimento talmente accurato da consentire al Kinect di percepire fedelmente se stiamo andando a tempo oppure no!

KINECT a 360°

Come già detto, Dance Central 3 sfrutta al meglio tutte le potenzialità del Kinect. Il sensore è davvero sensibile e legge in modo molto accurato i nostri movimenti, riproducendoli in gioco. Non ci siamo accorti di nessun tipo di sbavatura o imprecisione e ogni movimento veniva catturato in maniera impeccabile, consentendoci una totale immersione nell’esperienza di gioco in modo assolutamente divertente.

Un’altra caratteristica davvero interessante sono i comandi vocali. In Dance Central 3 si può interagire con la voce in quasi tutta la struttura di gioco. Pronunciando la parola standard “Xbox”, si attivano i comandi vocali, la struttura grafica cambia colore e vengono evidenziate le parole/frasi che permettono di interagire con il gioco attraverso la funzione dei comandi vocali. Ad esempio se pronunciamo ”Xbox - Balla - Esibizione” andremo nella modalità esibizione. Una volta qui, possiamo scegliere il brano sempre con i comandi vocali pronunciando il nome del pezzo sempre preceduto dalla parola “brano”, per poi scegliere la difficoltà e cominciare. Anche i comandi vocali sono molto precisi, tranne a volte nella selezione del brano dall’elenco. Un altro utile esempio lo possiamo trovare durante la modalità allenamento. Qui possiamo interagire con la voce se vogliamo rallentare il brano per impararlo meglio (pronunciando la parola “rallenta”) oppure se vogliamo ripetere un passo precedente (pronunciando la parola “precedente”). La funzionalità dei comandi vocali è davvero pratica e semplifica notevolmente l’interazione con il gioco, facendo risparmiare tempo. Se dovessimo incontrare qualche problema, possiamo tranquillamente passare dal comando vocale ai comandi “gestuali” in qualunque momento del gioco.
Accantonando i miei gusti musicali e sintonizzandomi su "Anima redattore imparziale: mode ON", mi sono voluto cimentare ugualmente e con una certa curiosità in questa esperienza di gioco davvero fuori di testa, e posso garantirvi che Dance Central 3 è un prodotto davvero completo e divertente che vale la pena provare.

Si tratta di un gioco che ricopre tutte le esigenze e i gusti: da coloro che vogliono usarlo come "party-game" alle feste, a quelli che invece desiderano cimentare la loro bravura nella danza, passando per altri che magari lo prediligono come "training-game" per strutturare un allenamento sportivo direttamente in casa propria.

L'unica nota un po' calante può essere riscontrata nella storia, un elemento davvero "in più", con una trama assurda, che non aggiunge e non toglie niente al gioco in sè, il quale già da solo riesce a reggere benissimo la scena.
PRIMO IMPATTO
GRAFICA
SONORO
GIOCABILITA'
LONGEVITA'
GLOBALE