Recensione PC
Titolo del gioco:
Starcraft II - Nova: Operazioni Segrete
Anno di uscita:
2016
Genere:
Strategico in tempo reale
Sviluppatore:
Blizzard Entertainment
Produttore:
Blizzard Entertainment
Distributore:
Activision Blizzard
Multiplayer:
No
Localizzazione:
Completa (audio & video)
Sito web:
Requisiti minimi:
Sistema Operativo: Windows® XP/Windows Vista® (service pack più recente) - CPU: Intel® Core™ 2 Duo oppure AMD Athlon™ 64 X2 5600+ - Scheda Video: NVIDIA® GeForce® 7600 GT oppure ATI™ Radeon™ HD 2600 XT oppure Intel® HD Graphics 3000 o superiore - RAM: 2GB - HD: 30GB di spazio libero - Connessione internet a banda larga.
  • Un bacino dall'affascinante Nova?  Wow !!!
  • E giù, botte da orbi...i nemici sono davvero ostici...
  • Come sempre quando si parla di Blizzard la cura nei dettagli è maniacale
  • Lo sguardo imbronciato della nostra eroina fa pensare che è meglio non farla arrabbiare
  • In fase di briefing possiamo scegliere i potenziamenti...facciamolo con cura..
  • E lo stesso vale per l'equipaggiamento della nostra eroina
  • Soli contro tutti? Si può se sappiamo utilizzare i nostri poteri..
  • L'abilità nell'occultamento fa la differenza, ma non siamo invisibili proprio a tutti
  • Sempre bellissima la nostra Nova
  • Come Starcraft ci ha insegnato lo studio dell'ambiente può fare la differenza in un conflitto..
Redattore:  Giuseppe 'Isg71' Iraci Sareri                        Pubblicato il:  09/05/2016
Dopo il grande successo di Legacy of the Void, la Blizzard dona nuova linfa all'universo di Starcraft.
A un solo anno di distanza dall'uscita del capitolo conclusivo della trilogia di Starcraft II (potete leggere la nostra recensione qui) gli sviluppatori di Blizzard Entertainment dimostrano di credere ancora nel loro progetto, in grado di intrattenere milioni di appassionati in tutto il mondo.

Nova: Operazioni Segrete è solo il primo capitolo di una trilogia di DLC che vedranno la luce entro l'anno, aggiungendo nuovissimi sviluppi narrativi al progetto già immenso, oltre ad offrire all'utente appassionanti sfide tutte da giocare.

NOVA FINALMENTE È QUI
LA BRUTTA FINE DI GHOST

Starcraft: Ghost avrebbe dovuto essere un gioco interamente dedicato a Nova, un'ufficiale nel Dominio Terran che lavora per il colonnello Jackson Hauler nella sua squadra Fantasma, la cui storia iniziava quattro anni dopo gli episodi di Starcraft: Broodwar. Contrariamente alla tradizione RTS di Starcraft avrebbe dovuto trattarsi di uno sparatutto in terza persona progettato con lo scopo di favorire l'esordio della saga anche sul mercato delle console. Annunciato nel 2002 per Xbox, Playstation 2 e GameCube, il progetto è definitivamente naufragato nel 2006 quando gli sviluppatori ne annunciarono la cancellazione.

Chi conosce l'universo di Starcraft ha già incontrato la bionda soldatessa in Wings of Liberty e in Heart of the Swarm: un personaggio indubbiamente ben caratterizzato, per certi versi intrigante, che sarebbe stato protagonista di un intero gioco. (vedi box a lato).

Dal punto di vista narrativo ci troviamo a qualche anno di distanza dalla conclusione delle vicende di Legacy of the void per incontrare la nostra eroina prigioniera in una base sconosciuta e vittima di un preoccupante vuoto di memoria.

Senza voler anticipare più di tanto, la nostra Nova riuscirà a fuggire e, una volta riunitasi con la sua squadra, incontrerà Matt Horner che la metterà al corrente circa l'identità dei suoi rapitori: I difensori dell'Umanità infatti mirano a rovesciare il regime di Valerian Mengsk.

Nova Terra è un fantasma (spietato assassino psionico) facente parte dell'unità dei Terran, al soldo del Dominio, anzi sicuramente è l'elemento più temibile dell'intera congrega. Si lancerà in una serie di missioni che la vedranno infiltrarsi fra le basi nemiche, governare navi stealth, intercettare invasioni e molto altro ancora.

Il primo pacchetto, Operazioni Segrete, prevede tre missioni e, lo diciamo fin da subito, si propone al videogiocatore in un modo piuttosto inusuale rispetto a Starcraft II. Infatti tutti e tre i contenuti scaricabili sono caratterizzati dalla modalità giocatore singolo e seguono per la prima volta le vicende di una singola unità invece che di intere razze.

Nova è in grado di affrontare numerose unità nemiche in un colpo solo grazie ai suoi poteri che le permettono di rendersi invisibile agli occhi di buona parte di esse e di colpire a distanza. Gli scontri appaiono fin da subito piuttosto impari dal momento che la nostra soldatessa dovrà fronteggiare gruppi numerosissimi di cattivi sui quali potrà avere la meglio solo avvalendosi dei suoi poteri e di un approccio più ragionato che istintivo.

I POTENZIAMENTI CHE NON MANCANO MAI...

La nostra Nova potrà disporre di una serie di equipaggiamenti, da sbloccare seguendo le missioni principali e secondarie ma da utilizzare uno per volta. Di conseguenza potremo decidere se puntare sulle capacità di occultamento della soldatessa oppure di influenzarne la velocità di movimento e la mobilità. Sarà sufficiente giocare qualche partita per rendersi conto che ogni potenziamento si rivela utile in una determinata situazione di gioco e quindi una scelta oculata del giusto equipaggiamento potrà fare la differenza fra l'avanzamento della missione oppure un triste game over. Lo stesso discorso va applicato alle truppe: anche per loro può essere scelto un potenziamento per volta a seconda del tipo di missione che dobbiamo affrontare. Comunque equipaggiamenti e abilità possono essere selezionati all'inizio di ogni missione.

Le difficoltà iniziali riscontrate da Nova nei combattimenti scemano proseguendo nel gioco, per via dello sblocco di determinate abilità, alcune delle quali piuttosto potenti come la possibilità di creare delle bombe atomiche.

Va detto che il titolo offre comunque la stessa varietà alla quale ormai i programmatori di Blizzard ci hanno abituato, con un pizzico di innovazione che non guasta mai. Ad esempio, la missione di fuga a bordo dei Vulture dalla caratteristica azione a scorrimento orizzontale, dove oltre a guidare ci toccherà pure colpire i nemici che ci inseguono. Un'idea carina e allo stesso tempo innovativa per il genere.

TROPPO O TROPPO POCO...?

Giudicare questo primo pacchetto non è affatto semplice. Da un lato infatti abbiamo il solito comparto tecnico strepitoso, sia dal punto di vista grafico che sonoro, per non parlare delle aggiunte narrative sempre appassionanti e coinvolgenti. Dall'altro abbiamo un DLC piuttosto breve, tanto da poter essere completato in meno di due ore. Anche se è vero che parliamo solo del primo episodio di una trilogia di contenuti aggiuntivi, va detto che ci toccherà aspettare un bel po' per avere il quadro completo della storia di Nova visto che gli altri due episodi verranno rilasciati nel corso del 2016.

A favore della fatica di Blizzard gioca anche il prezzo piuttosto abbordabile: infatti il pacchetto può essere acquistato a 7,49 € mentre tutti e tre potremo farli nostri a 14,99 € con un notevole risparmio economico. Dal punto di vista realizzativo invece non c'è assolutamente alcun appunto da fare: Nova: Operazioni Segrete offre il solito stile vincente di Starcraft con qualche pizzico di innovazione e con una focalizzazione sul singolo personaggio rispetto alle intere razze protagoniste dei giochi principali. Questo aspetto può comunque piacere a molti ma probabilmente non ai veri puristi della saga.

In conclusione si tratta di un acquisto sicuramente consigliato per chi è rimasto ammaliato dallo splendore dell'universo di Starcraft anche perché offre il giusto tributo ad un personaggio che avrebbe probabilmente meritato maggior attenzione nella storia principale.

Modus Operandi: abbiamo potuto metterci nei panni di Nova testando i fatti del primo dei tre pacchetti aggiuntivi dello strategico in tempo reale di Blizzard per antonomasia, grazie ad un codice Battle.net datoci da Mediahook in collaborazione con Blizzard Italia.

Nova: Operazioni segrete è solo il primo tassello di un puzzle che ci svelerà dei retroscena della biondissima Nova Terra. Un pacchetto breve ma con risvolti narrativi interessanti in grado di arricchire le nostre conoscenze sul fantastico universo di Starcraft. Una realizzazione come al solito impeccabile e certosina fa da contraltare a una durata un pochino troppo breve. Ad ogni modo chi è appassionato della saga di Blizzard non può assolutamente perdersi questo passaggio, nell'attesa degli altri due episodi che usciranno nel corso dell'anno.
PRIMO IMPATTO
GRAFICA
SONORO
GIOCABILITA'
LONGEVITA'
GLOBALE