Recensione Amiga
Titolo del gioco:
Banshee
Anno di uscita:
1994
Genere:
Sparatutto
Sviluppatore:
Core Design
Produttore:
Core Design
Distributore:
Multiplayer:
Si
Localizzazione:
No
Sito web:
Requisiti minimi:
Amiga 1200
  •  Un'immagine dell'introduzione
  •  Il nostro eroe con il suo fido Banshee
  •  La schermata principale con le opzioni di gioco
  • Primi attimi di gioco..
  • Dite "cheeeeese"
  • I boss d'intermezzo sono veramente grossi... e veramente belli!!
  •  La grafica di Banshee é veramente ben curata sotto ogni minimo aspetto..
  •  Purtroppo succede anche ai migliori, il game over non risparmia nessuno...
  •  Il bellissimo effetto pioggia e gli altrettanto belli quanto letali U-boot presenti nel gioco!
  • Ecco la fine che fanno i soldati che si mettono contro il Banshee!
  • Alcune chicche del gioco, notate il soldato in fiamme che tenta di mettersi in salvo..
  • È veramente grosso... e ha pure la mazza!!!! (errrr... in che senso?? -NdCJ)
  •  Non manca niente, gli aerei ci sono, i paracadutisti (morti) ci sono e ci sono pure i pescatori!
Redattore:  Davide 'Nube' Palombo                        Pubblicato il:  16/12/2012
Sebbene il 1994 fu l'anno che segnò la fine di casa Commodore, fu anche l'anno di grandi videogiochi per l'Amiga. Banshee è uno di quei titoli...
Pianeta Terra, anno 1999, ma non quello che conosciamo noi (a meno che non siate nati dopo... -NdCJ): un 1999 appartenente ad una linea temporale diversa, dove non esiste la televisione a colori, il forno a microonde non è stato inventato e il pianeta stesso è un posto pacifico in cui vive la razza umana…

Un bel giorno però l'impero Styx, capeggiato da Blardax Maldrear, decise d'invadere la Terra, ed a quel punto solo un uomo si pose a difesa di essa: Sven Svardensvart, eroico pilota che si frappose tra gli invasori alieni e l'umanità, al fine di proteggerla. Sven costruisce così la sua arma di distruzione, battezzandola Banshee! Noi vestiremo i panni di Sven e piloteremo il Banshee, nel tentativo di difendere il nostro pianeta ed eliminare la razza aliena che ci vuole ridurre in schiavitù.

Con un'introduzione ben realizzata, caratterizzata da uno stile grafico molto accattivante (simile a quello visto in The Chaos Engine) ci vengono presentati la storia e i personaggi del gioco. Banshee è uno sparatutto a scorrimento verticale realizzato dalla Core Design nel 1994, programmato su Amiga 1200 e che quindi richiede la presenza del chipset AGA per funzionare. Possiamo giocarlo da soli oppure in compagnia di un amico. A questo proposito, nella schermata delle opzioni è possibile impostare alcuni parametri del gameplay, ad esempio scegliere se condividere i potenziamenti che troveremo durante il gioco oppure farli restare separati tra i due giocatori. Nel primo caso toccherà a noi decidere come spartire ed utilizzare i power-up. Nel secondo caso, questi ultimi saranno divisi in base al colore degli aerei, così che ognuno raccoglierà i propri potenziamenti senza poterli rubare all'altro giocatore (il che, in certe situazioni, sarà veramente un peccato).

Un'altra opzione invece permetterà di scegliere se tenere "bloccati" gli aerei nella stessa area di gioco oppure renderli liberi di abbandonare l'area visibile. Con il primo sistema gli aerei non potranno separarsi e le "vie di fuga" si riduranno perché gli aerei dovranno essere visibili tutti e due nella porzione dello schermo. Il vantaggio consiste nel fatto che in questo modo nessuno dei due giocatori può perdere di vista il proprio mezzo. Il secondo metodo apre invece un’area di gioco più vasta in quanto il giocatore è libero di muoversi come e dove gli pare. Per converso, in tale situazione è più facile morire, perché tenere sotto controllo il nostro aereo nel caos spesso generato da un abbondante numero di nemici sarà parecchio arduo. Quindi dovrete meditare bene sulla strategia da adottare a inizio partita, perché questa ne segnerà inesorabilmente le sorti! Tra le opzioni "minori", per così dire, troviamo la tanto gradita curva di difficoltà che si divide nei classici tre livelli: facile, medio e difficile, nonché la possibilità di scegliere tra il classico joystick con un solo tasto di fuoco o un joypad a due tasti come quelli del Sega Megadrive o dell'Amiga CD32.

Una volta configurato il tutto siamo pronti per incominciare questo grandissimo shooter targato Core Design! La nostra avventura comincerà con tre aerei a nostra disposizione, tre giri della morte (analoghi ai loop che si eseguivano in 1942 della Capcom) e tre crediti per continuare la partita in caso di morte. Queste informazioni vengono visualizzate in un pannello posto sulla sinistra dello schermo, assieme ad altre quali lo stato dell'aereo, rappresentato dalla barra d'energia che diminuirà man mano che verremo colpiti, e lo stato del power-up "build". Questo speciale potenziamento (che dovrà essere raccolto per tre volte) ci permetterà di conservare il nostro attuale arsenale di fuoco in caso di morte. Diversamente esso verrà ridotto sensibilmente, come accade generalmente in tutti gli spara-e-fuggi.

Il nostro obbiettivo, a bordo del fedele Banshee, sarà quello di abbattere quanti più alieni possibile tra quelli disseminati nei cinque scenari di gioco (Atlantikan Ocean, Styx City, Artic Wastes and Aridona Desert, Planet Veenix, Styx Forward Command Base). Ovviamente per complicarci la vita saranno presenti enormi boss di intermezzo e fine livello, armati fino ai denti e con le armi più variegate. Non preoccupatevi, perché il Banshee non sarà da meno. Infatti, quando abbatteremo sequenze di velivoli nemici, guadagneremo, come abbiamo visto prima, svariati bonus che ci permetteranno di aumentare la nostra potenza di fuoco, aumentare la velocità dell'aereo, recuperare energia perduta, scegliere armi aggiuntive (come missili inseguitori o fuoco laterale), facilitando in tal modo il nostro compito.

Dal punto di vista grafico Banshee è qualcosa di spettacolare. I 256 colori del chipset AGA sono stati sfruttati a dovere e lo stile grafico è degno delle più belle demo Amiga, dove la pixel art la faceva da padrone. Non si è risparmiato sull’aspetto video: ogni sprite su schermo è definito nei minimi particolari. Il nostro aereo, quando subirà troppi danni, comincerà a far uscire fumo dalle ali (segno che le cose non si stanno mettendo bene per noi). I mezzi si distruggeranno man mano che verrano colpiti, mentre i soldati nemici moriranno nei modi più disparati: chi prenderà fuoco, chi tenterà di mettersi in salvo gettandosi in acqua. Niente è lasciato al caso.

Gli scenari sono ampi e variegati, anch'essi realizzati con precisione maniacale, accompagnati da effetti ambientali come pioggia, vento e nebbia che aggiungono compattezza e spessore all'ambientazione di gioco. I mezzi nemici non fanno eccezione: sono animati e disegnati in maniera impeccabile, in particolar modo i boss di intermezzo e fine livello. Questi sono enormi e si muovono con eleganza e fluidità sul nostro schermo nel tentativo di farci fuori. Gli aspetti che più colpiscono di Banshee non sono comunque limitati alla grafica in sé, che nulla ha da invidiare ai coin-op dell'epoca, ma piuttosto la fantasia e la varietà delle ambientazioni e dei mezzi.

Per quanto riguarda il comparto sonoro, Banshee offre degli ottimi effetti che ci accompagneranno durante l'azione di gioco. Purtroppo non ci sono musiche nei quattro livelli disponibili, ma durante l'azione di gioco non ne sentirete la mancanza; anzi è piacevole sentire il rollio dell'aereo quando compie il giro della morte, o i rumori delle mitragliette quando sparano e del fuoco nemico che cerca di abbatterci.

La giocabilità in Banshee è garantita dai comandi precisi di gioco, dalla fluidità su schermo che non presenta il minimo rallentamento e dal supporto ai joypad con due pulsanti, per evitare di dover ricorrere alla tastiera allo scopo di eseguire il loop. Inoltre, la possibilità di giocarlo con un amico ne aumenta di parecchio giocabilità e longevità, garantendovi parecchie ore di puro divertimento prima che possiate portarlo a termine.

I programmatori hanno ben calibrato la difficoltà di gioco, mettendoci a disposizione, come abbiamo detto prima, tre crediti e altrettanti livelli di difficoltà per portare a termine la nostra missione. Anche se non sarà facile arrivare alla fine di ognuno dei livelli che compongono Banshee, vi garantiamo che una volta impugnato il joypad non lo mollerete finché non lo avrete completato!

Complimenti quindi alla Core Design, che con Banshee è stata ancora una volta in grado di dimostrare cosa sapesse fare e anche cosa fosse in grado di fare il piccolo gioiello di casa Commodore. Banshee è un must per tutti gli appassionati di sparatutto.
Banshee è veramente un ottimo titolo che vi regalerà tante ore di divertimento, soprattutto se giocato in compagnia di un amico. La difficoltà é ben calibrata ed il supporto per il joypad a due tasti aumenta la curva della giocabilità. L'assenza di musica viene compensata da ottimi effetti sonori e dopo qualche minuto di gioco, non ne sentirete la mancanza! Per finire: un ottimo gioco che vi terrà incollati allo schermo per parecchio tempo!
PRIMO IMPATTO
GRAFICA
SONORO
GIOCABILITA'
LONGEVITA'
GLOBALE