Recensione PlayStation 3
Titolo del gioco:
Fuel Overdose
Anno di uscita:
2012
Genere:
Racing Game con visuale dall'alto
Sviluppatore:
I-Friqiya
Produttore:
I-Friqiya
Distributore:
Sony Computer Entertainment Europe
Multiplayer:
Online fino a 8 giocatori
Localizzazione:
Solo testo, no audio
Sito web:
Requisiti minimi:
Una PlayStation 3 (Fat, Slim o Super Slim), una connessione a Banda Larga, un Account PlayStation Network per la parte Multiplayer. 235MB di spazio sull'Hard Disk della Console.
  • Il Logo del gioco
  • L'immagine che contraddistingue lo spirito del titolo I-Friqiya e fa da sfondo una volta selenzionato il gioco dal XMB della PS3
  • Uno degli attacchi congelanti del prototipo di supersoldato: Odessa!
  • Attraversiamo un ponte con la lava sotto e con il rampino attaccato alla macchina davanti, in una Praga irriconoscibile!
  • In un New York immersa dall'acqua stiamo provando a far cadere l'auto avversaria
  • Abbiamo elettrizzato la macchina davanti tramite il Rampino che ci tornerà utile in più di un'occasione!
  • Qui vediamo un Rampino attaccato alla macchina che ci precede ed un missile che, forse, abbiamo evitato!
  • Hayden passa sotto un ala della carcassa di un aereo ormai facente parte dello scenario
  • Ecco un altro uso del Rampino: attaccarlo in uno dei punti dello scenario (indicati per tempo) per farci fare la curva al meglio, dandoci un bel Boost!
  • Rosa: una ragazza semplice e determinata che crede nell'amicizia
  • Hayden: prova a fare il don giovanni con Rosa, ma fallisce miseramente! E' accusato di aver ucciso suo padre  per poter prendere parte alla Corsa del Caos
  • Lene: oltre al fisico sembra avere dei poteri telepatici
  • Ryuhei: proveniente dal gelido Giappone, è il classico samurai dove l'onore è al primo posto. Ma porta con se una triste storia.
  • Odessa: il supersoldato privo di sentimenti e di amore creato dal Consortium. Ma sarà realmente così?
  • A.J.: il tirapiedi del capo di Consoritum. Ha ucciso senza pietà alcuni membri del Clan del territorio dove ha vissuto Noa per arrivare al Vaccino
  • Noa: simpatico e giovane ragazzo con due tigri parlanti che stanno con lui! E' sveglio e sembra avere un dono per l'elettronica e la chimica
  • Hermod: si sa poco su di lui. Si dice che sia a capo di Consortium, ma allora perchè prende parte alla Corsa del Caos?
  • Attraversiamo una serie di quelle che erano dei pilastri o della colonne di una grande costruzione
  • La prima immagine che vediamo prima di partire per la gara in quello che era un tempo Las Vegas
  • Tutte quelle cose per terra sono delle Mine! Passandoci sopra eplodono! Sullo sfondo vediamo una Bomba  che può essere fatta esplodere quando è in vista
  • Il povero pilota di quel camion riceverà una bella scossa!
  • La schermata per comprare diversi ricambi alle macchine acquistate per potenziare 5 caratteristiche diverse. I Crediti sono fondamentali per l'opera di tuning...
  • Uno dei diversi momenti della Storia di ogni personaggio. Sembra che non corra buon sangue tra Hayden e Rosa!
  • L'ultra Attack di Hermod, "Last Judgement", farà rallentare tutti gli avversari!
Redattore:  Roberto 'New_Neo' Sorescu                        Pubblicato il:  29/12/2012
La fine del mondo secondo I-Friqiya. Il 21 Dicembre è passato ed ora non resta che analizzare questo Racing Game con visuale dall'alto che abbiamo seguito fin dal 2009!
Ancora ripenso all'emozione quando Skander Djerbi, nell'Agosto del 2009, ci contattò per dirci che I-Friqyia, un piccolo studio di sviluppo, stava lavorando ad un racing game con visuale dall'alto ad ambientazione apocalittica. Da poco ero stato insignito del ruolo di "responsabile contatti" per GamesArk, un "lavoro" in cui non avevo alcuna esperienza sul campo. Non è facile descrivere quei momenti, dove la passione va oltre la semplice fruizione attraversando quella soglia che ti immette "dall'altra parte” (ehm, Roby che ti sei fumato?? NdBoZ) facendoti conoscere un mondo fatto di tantissime figure diverse tra grandi editori e studi di sviluppo indipendenti, che prima di ogni altra cosa sono persone come noi.

Abbiamo seguito con interesse l'evolversi del gioco attraverso immagini, filmati, notizie (nel campo di ricerca scrivete "Fuel Overdose" nel Titolo e nella Categoria scegliete "News"), per culminare con la Preview pubblicata ad Ottobre in cui è stato lo stesso Skander a descriverci tutte le fasi di sviluppo del gioco dalla sua concezione fino ad oggi, attraverso vicende umane non sempre facili ma dettate da una passione ed un amore infinito nel voler creare qualcosa di originale che richiamasse i racing game di un tempo.
Fuel Overdose è dunque arrivato nelle nostre mani, disponibile su PlayStation Network dal 21 Dicembre. Ci apprestiamo a descrivervi la creatura di I-Friqiya, ricordandovi che si tratta di un titolo realizzato da un piccolo studio di sviluppo.

LILITH, IL GIORNO DELLA CADUTA E LA CORSA DEL CAOS

In un racing game difficilmente c'è posto per un storia, ma in Fuel Overdose la trama ha un senso ed è anche piuttosto particolareggiata e ricca di elementi, talvolta anche duri che richiamano le miserie dell'essere umano pronto a fare di tutto pur di sopravvivere e a prevalere sugli altri.

A causa del riscaldamento globale un'epidemia sta facendo strage gli esseri umani uccidendoli in poco tempo. Questa malattia si chiama “Lilith”. Gli scienziati sono corsi ai ripari creando un vaccino in tempi brevi. Ma purtroppo il corpo umano ne diviene presto dipendente e senza di esso le probabilità di morire dissanguati in poco tempo è altissimo!
Non contenti di questo dal cielo arriva un corpo celeste che impatta sulla Terra sconvolgendone il clima, l'asse terrestre e portando i Poli al centro del pianeta! Questo triste avvenimento è stato chiamato “Il Giorno della Caduta”.
Il Vaccino rimane la via principale per non morire. I sopravvissuti al cataclisma creano diversi Clan. Il “Consortium”, quello più potente, prende il controllo delle scorte di vaccino, uccidendo (ritenendolo necessario) diversi innocenti in vari punti della Terra pur di tenere le redini decidendo la distribuzione del vaccino. Consortium ha organizzato la “Corsa del Caos” per dare un magro aiuto ai Clan restanti tramite il loro migliori piloti, ma anche per confermare il ruolo di dominio sul pianeta.

8 PILOTI IN CERCA DI SPERANZA...

Una volta entrati nelle opzioni di gioco, vi consigliamo subito di affrontare il "Tutorial" che vi spiegherà i comandi e le caratteristiche d'azione, di corsa e di tattica del il titolo I-Friqiya in modo da prepararvi al meglio.
Le opzioni a disposizione sono Corsa Libera, Campionato, Storia, Sfida, Multiplayer, Opzioni, Aiuto e Dati. In "Aiuto" troverete tutti gli aggiornamenti sulla Storia e sulle caratteristiche del gioco, mentre in "Dati" ci saranno le Statistiche, i Record e molte altri numeri come la progressione nel gioco.

I piloti che si daranno battaglia nella Corsa del Caos sono 8: Hayden, Ryuhei, Noa, Odessa, A.J., Rosa, Lene ed Hermod. Ognuno di essi è caratterizzato da una propria storia che si dipanerà man mano, insieme e quella del gioco, giocando la modalità omonima dal menu principale.
I circuiti sono in totale cinque: Il Cairo, Praga, New York, Kyoto e Las Vegas. Ognuno di essi ha 4 varianti facendo salire il numero delle piste a disposizione a 20. Tali aggiunte saranno disponibili completando le 4 fasi del Campionato divise in 5 gare ciascuno.

Prima della Corsa del Caos è possibile entrare nell'”Armeria per gestire l'arsenale messoci a disposizione dell'organizzazione in base al budget preimpostato. Inoltre potremo aggiungere pezzi di ricambio alle nostre vetture per migliorare le 5 caratteristiche principali divise in 3 livelli di upgrade. Ogni macchina ha parametri diversi e non sarà facile sfruttarli all'interno della corsa. I Crediti verranno guadagnati affrontando il Campionato e le Sfide.
Servirà essere cauti e premurosi nel capire il proprio stile di guida altrimenti non sarà facile vincere!

SI PREGA DI ENTRARE NELLE VOSTRE AUTO! LA CORSA DEL CAOS STA PER INIZIARE!

Ora che siamo pronti a scendere nelle località devastate dall'impatto, entriamo nel cuore delle corse sfruttando tutto quello che il gioco ha messo a disposizione ai coraggiosi piloti che metteranno tutto il loro ingegno, tattica, tecnica di guida e cattiveria per uscirne vincitori.
Ogni pilota ha a disposizione tre armi uguali per tutti i concorrenti: la Mitragliatrice, il Razzo Teleguidato e le Mine aventi tre livelli di potenziamento. Come quarto orpello ci sarà il "Rampino" che ha più di una funzione in base a ciò che succederà attorno a noi. Potremo utilizzarlo per attaccarci agli avversari per avere una spinta extra ottenendo maggiore velocità, sfruttarlo nello scenario tramite appositi appigli allo stesso modo degli avversari o, addirittura, elettrizzando le vetture tenendole bloccate per qualche secondo.

Ogni pilota è unico e si contraddistingue per il suo stile di guida e per gli attacchi: infatti disporranno di 2 Super Attack, 1 Ultra Attack ed uno Skill Move.
Questi attacchi si attivano eseguendo precise mosse, indicate sullo schermo, con lo stick destro del Joypad. Il Super Attack coinvolge l'area visibile, mentre l'Ultra Attack avrà una maggiore estensione colpendo più avversari contemporaneamente.
Tali attacchi si attiveranno una volta che la “Barra del Berserk” si riempirà in base ai danni subiti dagli avversari. Odessa, ad esempio, avrà attacchi di ghiaccio, mentre Lene può invertire i comandi delle macchine avversarie, Noa ha un attacco che aumenta la velocità e Rosa può mandare le vetture in aria. Lo Skill Move non ha bisogno del Berserk per essere attivato.
Inoltre all'interno del circuito ci saranno delle "Bombe" che possono essere fatte esplodere in modo da danneggiare gli avversari a maggior distanza o appena dietro la nostra vettura.
Ogni pilota dispone anche di uno “Scudo” che proteggerà la macchina dagli attacchi, ma farà diminuire la barra del Berserk. Tale diminuzione sarà più rapida se gli attacchi toccheranno lo Scudo.
Insomma la varietà non manca come anche un pizzico di strategia, la quale sarà importante per cercare di vincere le gare che diverranno ben presto caotiche.
Le "Sfide" servono per imparare meglio la guida in tutte le sue parti fino ad arrivare alle armi attraverso 30 prove divise in 6 tipologie diverse.

Menzione particolare va al “Race Danger”: investendo qualche credito in più nella voce Scommessa si avranno maggiori possibilità di eseguire una attacco speciale durante la corsa, che colpirà gli avversari nell'area indicata dal “punto esclamativo” nello sezione dello schermo dove c'è il circuito, dove è stato lanciato l'attacco.
Vi consigliamo di eseguirlo quando siete nelle prime posizioni in modo da aumentare il vantaggio sugli avversari.

La Modalità "Multiplayer" permette di giocare fino a 8 giocatori contemporaneamente. Si può partecipare ad una sessione attiva o di creare una partita in base a quattro tipologie di gara, ai giri a disposizione e alla I.A. degli avversari. L'abbiamo testata insieme a Skander Djerbi, ad un Redattore di un noto portale italiano e ad altri Redattori di testate non italiane.
Pur nella sua semplicità, la parte online l'abbiamo travata solida non riscontrando alcuna perdita di connessione o blocchi derivati da un netcode non ottimizzato. Dalla "Lobby" è possibile chattare in base a delle parole già pronte o scrivere le proprie frasi o utilizzare il microfono anche durante la gara.
Dopo l'uscita del gioco questa sezione l'abbiamo trovata purtroppo quasi sempre deserta.

IL RESOCONTO FINALE

Non è affatto facile giudicare un titolo seguito che abbiamo seguito in questi due anni, ma il nostro compito è quello di essere imparziali ed obiettivi.
Una delle parti più difficili è la prima sensazione che abbiamo avuto; ovvero quella di un gioco piuttosto confusionario dove bisogna abituarsi ad un metodo di gioco che sembra essere più casuale non premiando la bravura del giocatore.

Una volta superato questo scoglio, dettato anche nell'apprendere le meccaniche e la padronanza con una struttura che è sì immediata, ma che richiede un tempo fisiologico per essere imparata a dovere, le acque si calmano e si riesce a fare tutto senza ulteriori intoppi apprezzando i diversi contenuti che Fuel Overdose è in grado di dare ai giocatori.

Il titolo I-Friqiya riesce a farsi apprezzare per la varietà offerta in gara. Le armi a disposizione, gli attacchi diversi per ogni personaggio, il Rampino, le Bombe e lo scenario stesso (che può essere d'aiuto o affossare il pilota facendolo precipitare tra burroni, cascate, acqua e lava) arricchiscono una giocabilità più che buona aggiungendo quel pizzico di strategia che il giocatore può attuare in gara. Tutto questo ci fa tornare indietro nel tempo ricordando uno dei capostipiti del genere: quell' “A.T.R.” (All Terrain Racing) del Team 17 che personalmente mi ha fatto passare dei pomeriggi indimenticabili.

La parte grafica, pur essendo discreta, è soprattutto funzionale non sfruttando la Console Sony. In alcuni momenti con più macchine ed attacchi su schermo, i fotogrammi scendono al di sotto della soglia minima avvicinandosi allo scatto. Molti grideranno allo scandalo, ma considerando il fatto che il team che ha sviluppato il gioco è composto da pochissime persone non ne facciamo un dramma. La parte sonora è senza infamia e senza lode con due brani su licenza e diversi motivetti che accompagnano le gare ed una musica dedicata alle opzioni ed un altra ai Crediti. E' possibile inserire i propri brani musicali all'interno del gioco. Ben riprodotti e caratterizzati gli effetti sonori durante la corsa.
Una cosa che non ci è piaciuta è l'obbligo di arrivare almeno quarti (4th) in ogni gara nella modalità Campionato. E' un po' frustrante finire male l'ultima gara dopo essersi comportati bene in quelle precedenti ed essere costretti a ripetere tutto il campionato daccapo! Certo, possiamo ricominciare la gara dall'inizio, ma non è la stessa cosa. Inoltre le fasi di caricamento abbracciano ogni fase di gioco infastidendo non poco il giocatore costretto ad aspettare alcuni secondi anche per ricominciare una gara già in atto! Alcune volte il salvataggio non ha funzionato a dovere costringendoci a ricominciare un campionato che avevamo superato.
Gli avversari controllati dalla console sono piuttosto battaglieri e dinamici. Non hanno pietà nel bombardarci, ma commettono anch'essi diversi errori cadendo dai bordi, da ponti e altro permettendoci di poter arrivare tra i primi posti. L'I.A. rappresenta uno dei punti di forza del gioco, cosi come la fisica che influenza ogni elemento della corsa: gli attacchi con le armi, gli scontri con le altre auto e l'interazione con lo scenario sono resi più che dignitosamente.

La modalità "Storia" è discretamente interessante con i personaggi ben stilizzati e caratterizzati che parlano in diverse scene, attraverso una discreta mole di dialoghi (ben sottotitolati in Italiano) avvicinandosi allo stile Manga. Gli scenari sono statici e ben disegnati e la storia si sviluppa senza mai annoiare. Niente di eccezionale per carità, ma il tutto è ben confezionato con temi piuttosto adulti una volta scanzonati e in altre circostanze decisamente più cupi e seri.

Fuel Overdose è riuscito a catalizzarci e in alcuni momenti ci ha fatto arrabbiare e inveire come ai vecchi tempi.
Nonostante alcune magagne di non poco conto, si lascia giocare piuttosto bene e se andate oltre i limiti tecnici vi farà anche divertire.
Il gioco è disponibile su PlayStation Network al costo di €11.99 e sarà disponibile anche per PC nei primi mesi del 2013.
Dopo oltre due anni di lavoro “Fuel Overdose” è arrivato nella sua ultima fase: quello della recensione sulle testate videoludiche.
L'abbiamo seguito in tutto questo tempo ed averlo tra le mani rappresenta un'emozione particolare per il nostro portale.
La creatura di Skander Djerbi e del suo piccolo Team di sviluppo indipendente, si lascia giocare benissimo come i vecchi capostipiti del genere, ma nella dura realtà di oggi basta poco per lasciarlo da parte. Se non si è passa il primo scoglio c'è il rischio che non venga apprezzato dai giocatori a causa della la sua presunta caoticità. La parte tecnica non aiuta di certo a catturare gli occhi, ma se andate oltre troverete molte belle cose che vi faranno divertire con una buona offerta tra campionato, sfide e un multiplayer semplice ma efficace.
PRIMO IMPATTO
GRAFICA
SONORO
GIOCABILITA'
LONGEVITA'
GLOBALE