Recensione PlayStation 3
Titolo del gioco:
Teslagrad
Anno di uscita:
2014
Genere:
Platform, Puzzle, Endless Running, Indie
Sviluppatore:
Rain Games
Produttore:
SOEDESCO
Distributore:
Cidiverte
Multiplayer:
No
Localizzazione:
No
Sito web:
Requisiti minimi:
Console PlayStation 3 - una connessione a Banda Larga - un account PlayStation Network - 1GB di spazio libero su Hard Disk
  • Poteri latenti.
  • Alla ricerca
  • Enigmi.
  • Boss.
  • Abilità e poteri.
  • Effetti luminosi.
  • Agilità e velocità.
  • Combinazione di poteri.
  • Aumento di livello.
  • Ambientazione ed effetti scenici.
  • Velocità ed abilità.
Redattore:  Evelina 'Vestalia' Montano                        Pubblicato il:  11/02/2015
Ci troviamo di fronte ad uno dei pezzi piu' prestigiosi del mercato videoludico del 2013. Rain Games presenta un titolo molto vicino ai capisaldi del suo genere di appartenenza, come uno dei classici del genere puzzle-platform.
Gioco non facilmente inquadrabile, in quanto risulta una via di mezzo tra platform, puzzle ed endless running.

TRAMA

La trama narra le vicende dell'erede della famiglia Tesla (custode del 'sapere elettromagnetico'), che scacciato dal suo villaggio perchè "diverso", deve affrontare una serie di livelli in un'ambientazione enorme e caratterizzata da stanze collegate tra loro, il cui accesso sarà possibile solo con l'aquisizione di particolari capacità e poteri.

Teslagrad ci trasporta, in una terra nominata Electropia, dove incontriamo il nostro piccolo eroe, costretto a fuggire perchè detentore di un potere che controlla l'elettromagnetismo, e per questa ragione legato indissolubilmente, ad un gruppo di eletti denominati Telemancers che appunto custodiscono i poteri dell'elettromagnetismo e un regime che vuole sfruttare questi poteri per le mire espansionistiche di un re.

Si tratta di un unico ambiente in cui il giocatore si troverà ad affrontare numerosi enigmi e puzzle abbastanza impegnativi ma assolutamente risolvibili. Una volta acquisite le regole generali, basterà semplicemente metterle in pratica e usarle all'occorrenza, combinando i poteri in modo da superare i vari livelli.


GAMEPLAY

Il gioco di dipana su un asse sia orizzontale che verticale, ciò renderà più facile la ricerca delle stanze e degli ambienti non ancora visitati o scoperti, nonostante sulla mappa del gioco non sia possibile regolare lo "zoom".
Teslagrad è caratterizzato da una fluidità ben sviluppata, che porterà il giocatore, di fronte a nuovi enigmi e nuove stanze, a utilizzare gli stessi poteri o le stesse combinazioni. Ci sono dei punti fissi in cui tutti i giocatori dovranno necessariamente passare come lo scontro con i boss del gioco che di norma alla loro dipartita lasciano un nuovo oggetto o un nuovo potere al nostro eroe, anche se il grado di difficoltà è maggiore in questi combattimenti perchè si avrà solo il limite di un colpo prima che il nostro personaggio venga sconfitto.
Ci sono altri punti, invece, in cui solo un giocatore più esperto o curioso, raggiungerà oggetti nascosti o stanze segrete.
Come da copione, i combattimenti con i boss, saranno risolvibili una volta appresi i poteri di questi ultimi e i loro pattern di attacco, sempre diversi ed elaborati in maniera egregia. Un uso intelligente e combinato, nonchè una discreta velocità, saranno fondamentali in questi combattimenti e indispensabili per la vittoria.

ASPETTI TECNICI

Il gioco non presenta nè una linea di testo nè un doppiaggio.
Sono state realizzate delle ottime animazioni: è da evidenziare assolutamente la realizzazione di 4000 disegni diversi per le animazioni dei personaggi. La grafica dei boss è discreta, e l'ambientazione un po' fantasy e un po' steampunk rende il gioco e le ambientazioni molto interessanti. Gli effetti dell'illuminazione causati dall'utilizzo dei poteri elettromagnetici, rendono il gioco molto fluido e accattivante. Le musiche che accompagnano il gioco sono a tratti quasi orchestrali, come l'utilizzo dei violini, tamburi o altri strumenti a corda, così come gli effetti sonori che danno il gioco il giusto "mood", come ad esempio i rumori delle cariche elettriche o altri poteri derivanti dall'elettro-magnetismo.

Nonostante Teslagrad non sia caratterizzato da elementi testuali o di doppiaggio, la storia è raccontata con una discreta maestria.
Avventura, azione, prove sempre piu' complicate, ma mai proibitive, che porteranno il giocatore a sviluppare i suoi poteri, ad acquisirne nuovi e a crescere di livello, per affrontare nuovi enigmi e nuove stanze sino al combattimento con il boss di turno.

Teslagrad, al netto degli enigmi, ha una durata abbastanza breve. In uno speedrun si potrebbe anche percorrere l’intero tragitto probabilmente in poco più di un’ora.
Gli ostacoli piu' interessanti sono gli enigmi da risolvere durante il gioco.Non e' presente un tutorial, tranne le regole basilari, da trovare nei graffiti o arazzi presenti sulle pareti, di conseguenza le stanze vanno affrontate con calma e pazienza, in quanto sono presenti puzzle “statici” o azioni difficili per poterle superare e progredire nel gioco.
Teslagrad non gratifica il giocatore al superamento di un enigma, infatti dopo una parte particolarmente difficile ne arriva un’altra ancora più complicata.

I momenti di soddisfazione sono i combattimenti con i boss, particolarmente difficili (basta un colpo solo per dover ricominciare da capo): scoprire il pattern di attacco e vedere la loro sconfitta e dipartita al termine di una lotta, vi assicuro, dà grandi soddisfazioni. Il gioco è molto breve e anche rigiocabile: nella torre sono presenti delle pergamene, che raccontano la storia del protagonista e se alla conclusione del gioco non se ne possiedono almeno 16 non è possibile accedere al combattimento finale, ma se si collezionano tutte e 36 il finale sarà decisamente diverso e anche migliore. Una volta raccolti tutti i potenziamenti bisognerà girare a lungo nella torre per poterle recuperare tutte.

Ringraziamo Cidiverte per averci fornito il gioco.

Rain Games, a mio parere, presenta un'opera completa: sezione grafica ottima accompagnata da una colonna sonora che calza pefettamente con l'ambientazione e il gioco, completando alla perfezione il quadro del game.
Consigliato, a meno che, non si abbia una vera e propria repulsione per il genere, considerato anche il rapporto qualità/prezzo.
PRIMO IMPATTO
GRAFICA
SONORO
GIOCABILITA'
LONGEVITA'
GLOBALE