Recensione PC
Titolo del gioco:
Elsword
Anno di uscita:
2011
Genere:
Massive Multiplayer Online Game (MMOG) a scorrimento laterale con elementi da picchiaduro
Sviluppatore:
KOG Studios
Produttore:
Gameforge 4D
Distributore:
Gameforge Italia
Multiplayer:
4 giocatori in cooperativa, PvP, chat, gestione e vendita di oggetti
Localizzazione:
Completa (audio & video)
Sito web:
Requisiti minimi:
Windows 2000/XP/Vista/Seven; Pentium III 800 MHZ (PIV 2.7 MHZ); 256MB di RAM di Sistema (512MB); GeForce MX400 32 MB (GeForce FX5700/ATI Radeon 9600 128MB); DirectX 9.0 (agosto 2006) o superiore e .NET Framework 2.0; 1.3 GB (1.7 GB) di spazio richiesto su disco rigido; una connessione a banda larga
  • Da qui si inizia con lo scegliere il personaggio da interpretare
  • "Elsword", da cui prende il nome il gioco
  • La maga "Aisha"
  • L'Elfa "Rena"
  • L'ibrido "Raven"
  • La Nasod "Eve"
  • Il Tutorial in-game è chiaro ed esaustivo. Qui ci viene spiegata l' "Epic Quest"
  • Il Libro che spiega tutto sul gioco. Nelle fasi di apprendimento consultatelo spesso! Di default è già attivo, altrimenti premete "F12"!
  • Per entrare in un Dungeon dovere cliccare l'icona in basso "Gruppo", poi scegliete "Gruppo Veloce" o "Crea Gruppo". Aspettate e dopo un po' inizierete a picchiare i nemici!
  • Un'altra fase del Tutorial. Qui viene spiegato il funzionamento delle "Skill".
  • Ci stiamo preparando ad entrare in un Dungeon. Le figure in basso indicano i giocatori che saranno in azione.
  • Dopo alcuni livelli si presenterà il Boss che va sconfitto! In seguito a ciò...
  • ...vi aspetta la ricompensa in base a come ci siamo comportati. Più si è in compagnia, maggiori saranno gli oggetti e le ED Coins ottenute! Perciò cercate sempre qualcuno che voglia unirsi alla causa!
  • Per gli amanti del "Super Deformed" c'è l'opzione apposita che trasforma il nostro personaggio in quella buffa cosa che gira per lo schermo!
  • Eccoci all'Item Shop riservato alle micro-transazioni effettuabili per mezzo delle "E-Coins" acquistabili tramite carta di credito o prepagata. Occhio a non esagerare! Comunque l'offerta risulta molto variegata.
  • Con un po' di spesa possiamo abbellire il nostro personaggio fino a renderlo quasi irriconoscibile o addirittura buffo!
  • Uno dei numerosi mercanti che incontreremo durante il gioco.
  • Vi spaventano tutti quei tasti con cui possiamo interagire? Niente paura! Col giusto tutorial ed un po' di esperienza niente è impossibile!
  • Una delle numerose scenette (abbastanza statiche!) cui potremo assistere durante il gioco. Lo stile "orientale" è fortissimo!
  • Nel Villaggio di Elder potremo depositare alcuni oggetti nella Banca. Attenzione a non riempire l'inventario di oggetti che non servono!
  • La mappa del mondo di gioco ci fa vedere i progressi tramite la risoluzione delle Epic Quest e altro...
Redattore:  Roberto 'New_Neo' Sorescu                        Pubblicato il:  22/12/2011
Un MMOG a scorrimento laterale con elementi da picchiaduro? Vediamo cosa Gameforge ha portato sui nostri monitor.
Nell'ormai affollatissimo mondo dei videogiochi uno spazio sempre maggiore lo sta guadagnando un genere che, grazie alla diffusione capillare della banda larga, sta diventando sempre più importante.
Stiamo parlando del "MMOG", ovvero il Multiplayer Massive Online Game. All'interno di questa tipologia di gioco è più facile abbinare i giochi di ruolo (o RPG). Esso si divide in diverse categorie: si va dai RPG (MMORPG), agli strategici in tempo reale (MMORTS), ai FPS (MMOFPS), agli strategici online (MMOSG), ai RPG giocabili tramite browser (BBMMORPG) e ai giochi "massivi" su dispositivi mobili (MMMOG).

Parole come "PvP", "Crafting", "Grinding" sono parte di un gergo comune tra gli appassionati del genere.
Il capotistipite è il conosciutissimo
World of Warcraft di Blizzard. Arrivato nel novembre del 2004 ha rivoluzionato il genere dei MMOG catalizzando milioni di giocatori in tutto il mondo. I continui aggiornamenti ed espansioni lo rendono ancora oggi uno dei MMORPG più giocati.

Da qualche anno si sta affermando una nuovo tipo di gioco massivo per chi non se la sente di pagare un canone mensile come, ad esempio, il gioco Blizzard sopra menzionato. Si tratta del "Free to Play" (F2P), il quale permette ai giocatori di divertirsi giocando in via quasi del tutto gratuita. La parola "quasi" non è stata messa lì per caso, il motivo è presto detto: per poter usufruire del massimo potenziale del gioco o per arricchire l'equipaggiamento al meglio occorre spendere una cifra (variabile a seconda di quello che si vuole comprare) per acquistare diversi item (oggetti) atti a potenziare il personaggio nella maniera migliore.
Parliamo delle famose "micro transazioni", tanto care a questo genere, in grado di far muovere un mole di denaro non indifferente. I giochi F2P sono moltissimi e in una buona percentuale provengono dal Giappone e dalla Corea del Sud
.

BENVENUTI NEL MONDO DI ELSWORD!
Tutto questo preambolo l'abbiamo fatto per avvicinare i nostri lettori al gioco che stiamo per analizzare, ovvero Elsword.
Elsword è proprio un gioco massivo online, precisamente un MMOG Free to Play a scorrimento laterale con elementi da picchiaduro.
Dopo il periodo dedicato alla Beta, il titolo Gameforge, è a disposizione per il mercato italiano dalla settimana scorsa.
Per prima cosa bisogna registrarsi sul sito ufficiale e scaricare il Client.
Una volta installatolo, inserite il nome utente e la password precedentemente creati sul sito ufficiale. Eseguiti questi passaggi si potrà entrare nel mondo di gioco.
Da una prima veloce occhiata il titolo Gameforge sembra rivolto maggiormente agli adolescenti. Il taglio "orientale" e la meccaniche fortemente action sembrano alzare un muro divisorio con i MMORPG. Ma possiamo dirvi che anche Elsword si avvicina (e di parecchio!) a un RPG tramite la gestione degli oggetti dell'inventario, la progressione del personaggio e altre cosucce che scoprirete giocando e avanzando di livello.

All'inizio dovremo scegliere uno dei personaggi tra Elsword, Aisha, Rena, Raven ed Eve. Ognuno di loro ha caratteristiche e stili di combattimento diversi. Potremo creare più di un personaggio e vedere quello che più si avvicina al nostro stile, per cui non preoccupatevi per questo.
Inoltre la versione italiana è anche doppiata discretamente bene e totalmente sottotitolata, anche se alcune frasi e schermate sono in altre lingue come il francese. Ciò testimonia che il Client necessita ancora di aggiustamenti linguistici, i quali, con ogni probabilità, sono già in via di esecuzione presso il Team di Sviluppo, visti i continui aggiornamenti che stiamo appurando durante la stesura di quest'articolo.

IL DUNGEON EPICO!
Dopo il preambolo che introduce la storia entreremo nel villaggio di Ruben facendo conoscenza con i NPC (non-playing characters, personaggi non giocanti) che ci introdurranno alle meccaniche di gioco, e accederemo all'ottimo tutorial in-game: infatti premendo F12 apparirà un libro (di default è già presente sulla destra) che ci insegnerà tutto quello che c'è da sapere sul gioco e come muoversi apprendendo i primi rudimenti fino a diventare esperti.
Anche se ci sono una molteplicità di opzioni e schermate il tutto è user-friendly. Persino chi non è abituato a questo genere si troverà a suo agio.
Ci verrà data la prima Epic Quest, ovvero la prima delle missioni principali del gioco, atte a prendere confidenza con esso: la tastiera verrà usata prettamente nella fasi d'azione, per comunicare con gli altri giocatori e aprire finestre tramite i tasti appositi, indicati nel tutorial e nella schermata principale di gioco. Al mouse è dedicata alla gestione degli oggetti e delle diverse finestre che apriremo cliccando sulle icone in basso. Potremo ottenere alcune quest su richiesta dei NPC che incontreremo per arricchire maggiormente il nostro inventario.
Per proseguire nel gioco è necessario entrare in un dungeon; per farlo bisogna aprire la finestra dedicata al Gruppo e cliccare su "Gruppo Veloce" o "Crea Gruppo". Se ci saranno giocatori nei paraggi potranno unirsi alla nostra causa (l'"Epic Quest" corrente o quella "Richiesta") ed un gruppo di massimo quattro giocatori potrà entrare nel dungeon per eliminare i nemici e passare alle fasi successive.
Potremo, invece, accettare noi stessi la richiesta di un giocatore ed unirci alla sua missione. Le fasi dungeon sono formate da più livelli a scorrimento direzionale. Eliminando gli avversari otterremo diversi oggetti ed "ED Coin" (la moneta del gioco). Alla fine ci sarà il boss ad attenderci; sconfiggendolo saremo ricompensati con altri ED ed oggetti in base a come abbiamo combattuto. Se il dungeon faceva parte di una missione, per terminarla bisogna andare nella finestra delle quest e cliccare su "Completa Quest". Così facendo accederemo all'Epic Quest successiva.
IL CLIENT SI AGGIORNA

Il 19 dicembre i server erano molto lenti a causa di un consistente aggiornamento del gioco che ha portato le dimensioni del Client da 1,2 a 1,7 GB.
L'aggiornamento ha apportato diverse modifiche legate al menu del "PvP" (Player versus Player, giocatore contro giocatore) rivisitato per l'occasione, un miglior bilanciamento delle "Skill" ed un arricchimento degli "Item" più chiaro al giocatore.
Per sapere di più andate sulla sezione Novità del sito ufficiale.

LE SKILL: QUESTE CONOSCIUTE
Ovviamente otterremo un quantitativo di esperienza che ci permetterà di salire di livello e di ottenere alcuni "Skill Point" (SP) per imparare nuovi attacchi speciali e aumentare la difesa del personaggio, tramite la schermata delle Skill (abilità). Tali Skill si dividono in attive e passive. Ad ogni livello ottenuto guadagneremo due SP da utilizzare per far evolvere il personaggio. Queste ci torneranno utili in combattimento, ma hanno bisogno del mana per essere utilizzate. Anche se esso si genera abbastanza velocemente non è male procurarsi alcune fiale di mana e, visto che ci siete, anche quella che ripristina una parte della salute. Più avanti si sbloccheranno le Skill di tipo “B” che aggiungeranno nuovi potenziamenti.
Attraverso la gestione dell'inventario, il quale si divide in parecchie tipologie di oggetti, potremo assegnare diversi slot rapidi atti a utilizzare alcuni oggetti durante i combattimenti.

ANDIAMO A FARE LA SPESA!
In un MMOG F2P come Elsword il negozio è un elemento cardine per mezzo del quale si potranno fare acquisti, migliorare l'equipaggiamento, ottenere accessori, riparare armi e armature danneggiate, potenziare gli item e molto altro.
Potremo dedicarci al "Crafting", operazione nota agli amanti dei giochi di ruolo massivi. Ci sarà la possibilità di mischiare diversi ingredienti, raccolti durante i combattimenti oppure ottenuti dopo aver completato una quest, con lo scopo di creare diversi oggetti utili per migliorare la caratteristiche del nostro personaggio.
Ovviamente potremo vendere i nostri oggetti ai NPC o a un giocatore tramite delle apposite finestre. Se l'inventario si sta riempiendo potremo depositare alcuni oggetti nella Banca presente nel Villaggio di Elder.
Sfruttando le ED Coin si proseguirà abbastanza bene con l'avventura, ma sarà l'utilizzo delle “E-Coin” a permetterci di abbellire e potenziare maggiormente il nostro personaggio. Le E-Coin si ottengono versando una contributo in denaro (le famose micro transazioni). Gli oggetti sono tantissimi e spaziano dagli accessori, alle armi e armature fino alle cose più strambe e buffe!
Nel Press Account, gentilmente fornitoci da Laboratorio Comunicazione, abbiamo avuto a disposizione ben 5.000 E-Coin da spendere. Le abbiamo utilizzate per modificare l'aspetto del personaggio, nonché comprare alcuni accessori e vestiario per potenziarlo a dovere.
Al negozio si può accedere tramite l'icona in basso nella schermata o attraverso la banca quando vogliamo depositare gli oggetti.

LA LEGGEREZZA TECNICA DI ELSWORD
A causa dei relativamente bassi requisiti hardware del Client, Elsword gira benissimo anche su PC piuttosto vetusti. Infatti come requisiti raccomandati abbiamo un processore da 2.7 GHZ single core, 512 MB di RAM, una scheda video da 128 MB e 2 GB di spazio disponibile su hard disk.
Chiunque abbia un computer con più di 5-6 anni sulle spalle potrà giocare al titolo Gameforge senza compromessi. Infatti il gioco gira su sistemi operativi a partire da Windows 2000 fino ad arrivare a Windows 7.
Dal punto di visto tecnico Elsword può essere spinto fino a risoluzioni elevate, ma la grafica sarà solo funzionale alla causa. Non siamo in presenza di alcun virtuosismo grafico, anzi siamo di fronte ad un gioco 2D unidirezionale con un mole di poligoni piuttosto modesta che sembra provenire da titoli per console di due generazioni fa. Il team di sviluppo non voleva creare un miracolo tecnologico, ma un gioco che facesse divertire spensieratamente sia il giocatore alle prime armi che quello più esperto. Elsword propone un'offerta che tra community, aggiornamenti e gestione dei server, funziona abbastanza bene. Lo testimonia il numero di giocatori che sta aumentando di giorno in giorno.
Il sonoro è più che discreto con alcune melodie semplici, ma orecchiabili che non mancheranno di essere canticchiate.
Chi vuole un MMOG "spacca mascella" dal punto di vista tecnico, può girarsi immediatamente dall'altra parte e andare via. Non è questo il punto di forza di Elsword. Questo MMOG Free to Play a scorrimento unidirezionale con elementi da picchiaduro si rifà ai giochi "orientali": lo possiamo vedere dai personaggi con cui interagiremo e dagli attacchi che porteranno a segno!
Per il resto siamo di fronte a un prodotto solido, adatto sia al giocatore occasionale, sia a quello che vuole sviscerare il gioco in ogni sua parte. Leggerissimo dal punto di vista tecnico, lo si può giocare senza compromessi anche con un PC o un portatile di diversi anni fa.
Le micro transazioni (E-Coins) sono dedicate all'accaparramento di diversi oggetti speciali come armi, armature e altro ancora, con l'obiettivo di migliorare il personaggio e renderlo sia unico dal punto di vista estetico, sia più forte.
A nostro avviso si tratta di un prodotto interessante dove fare una capatina spensierata senza grilli per la testa. Se poi volete rimanerci, Elsword propone una discreta offerta, ma non aspettatevi miracoli. I MMOG commerciali sono un'altra cosa.
75
63
82
84
87
79