Recensione X-Box 360
Titolo del gioco:
SBK Generations
Anno di uscita:
2012
Genere:
Simulazione motociclismo
Sviluppatore:
Milestone
Produttore:
Milestone
Distributore:
Black Bean
Multiplayer:
Si
Localizzazione:
Completa (audio & video)
Sito web:
Requisiti minimi:
X-Box 360
  •  Forse ti prendo
  • Urgono saponette nuove
  • Non ho preso l'inceratto!
  • Best lap
  • BMW POWER
  • Apro o non apro?!
  • Soleeee!
  •  Condizioni meteo ostili
  • Traiettorie ideali
  • Pronti per staccare
  • Solitudine
  • Nouuuu ho allargato!
  • Superare all'esterno
  • Pattinaggio sull'acqua
  • Piccoli gruppi all'inseguimento
  • Cbr 1000 RR
  • L'ultimo paga al bar!
  • Concentrato, devo rimanere concentrato
Redattore:  Corrado 'Sakurambo' Micheli                        Pubblicato il:  27/08/2012
Sfidiamo i campioni di superbike dal 2009 al 2012 in questa riedizione del prodotto di punta della Milestone!
La serie Superbike ha ormai raggiunto una certa fama fra gli appassionati, guadagnata dai vari pregi attribuiti ad essa sul campo in merito a gameplay, accuratezza della simulazione e cura dei dettagli. Anche quest'anno i programmatori hanno rielaborato la serie cercando di offrire, pur non stravolgendo la natura originale del prodotto, un'esperienza più completa andando a coprire un arco di temporale di 4 anni dello scenario Superbike, per la gioia degli appassionati.
Gli standard a cui la serie ci ha abituato non sono stati stravolti né hanno subito radicali variazioni; è giusto collocare quest'opera come un approfondimento di quanto sino a oggi siamo stati abituati a conoscere.


ASPETTANDO IL SEMAFORO VERDE SOTTO L'OMBRELLINO

Fra le varie scelte che il menù iniziale ci pone, salta subito agli occhi la modalità carriera attraverso la quale, come è lecito aspettarsi, possiamo tuffarci nel mondo delle Superbike. Di contorno sono presenti tutta una serie di modalità di gioco comprendenti il giro libero, il campionato, Generations - di cui parleremo più avanti - e infine la modalità multigiocatore.

La carriera, fulcro della serie, prevede la possibilità di "tuffarsi" nel paddock con contratti di natura annuale o pluriennali ed in base ai successi raggiunti, potremo passare da una casa ad un' altra proprio come farebbe un pilota reale.

Proprio come accade nella realtà sarà inoltre possibile curare nei minimi dettagli l'avanzamento e la crescita della nostra carriera. All'interno del box potremo confrontarci con il tecnico al fine di migliorare gli aspetti della nostra moto, curare ogni singolo setting, gomme comprese, che modificheranno la nostra resa sul circuito.

Potremo sin da subito utilizzare uno fra i vari piloti preesistenti od in alternativa, attraverso l'editor propostoci ad inizio carriera, creare il nostro alter ego virtuale, selezionandone casco, visiera, volto oltreché campi quale nome, età e nazionalità passando infine per lo stile di guida che ha caratterizzato i piloti leggendari di questa categoria. Passati i convenevoli avrà luogo la carriera vera e propria, potremo scegliere un contratto entrando in gara con un mezzo Superstock 1000 base, con poche variabili rispetto ai mezzi di serie, tramite il quale riceveremo punti e reputazione gareggiando, vincendo ed effettuando acrobazie da funamboli.

I progressi ci consentiranno di percorrere il classico iter dei quattro anni e, se saremo abili nella gestione, potremo concorrere al trono della Superbike passando attraverso le Supersport. Attraverso questa sezione possiamo compiere i primi passi nel mondo della competizione vera e propria, affinando via via il grado di coinvolgimento, sfida ed impegno e ponendoci degli obiettivi di non facile raggiungimento ma di grande soddisfazione. Come sempre durante la gara, potremo scegliere la visuale di corsa che varierà da alcune prospettive direttamente dal cupolino sino ad arrivare alla classica visualizzazione dal retro della moto comprendente mezzo e pilota.
Proprio come nella carriera reale infatti non ci limiteremo alla semplice competizione in pista, ma arriveremo alla griglia di partenza in progressione, attraverso risultati, meeting con i tecnici, cambiamento dei settaggi nonché prove reali sia in fase di testing sia per la griglia di partenza. Ovviamente, potremo ogni qualvolta lo vorremo, testare le nostre capacità nel multiplayer concorrendo con altri 16 avversari online, in gare private, con gli amici, oppure tuffandoci nella prima competizione disponibile.

IL PERCHÉ DI GENERATIONS

Rispetto ai precedenti episodi della serie, alla Milestone hanno deciso di arricchire l'offerta con questa nuova sezione. Sarà infatti possibile, selezionando questa voce dal menù principale, ripercorrere anche se virtualmente, una serie di eventi che hanno fatto la storia di questo sport.
LA PAZIENZA NON È MAI TROPPA

Consigliamo a tutti coloro che si appresteranno ad acquistare questo prodotto di armarsi di una buone dose di pazienza ed impegno. Guidare le moto non è mai stato un gioco facile, così come gestire la fisica di un mezzo di circa 150 chili lanciato a oltre duecento chilometri all'ora. Questo alla Milestone lo sanno bene! Impareremo a dosare i freni in curva, così come l'erogazione in uscita, mantenendo il corretto filo di gas. Ci avventureremo ai limiti della staccata e nel sorpasso più azzardato. Tutto ciò richiederà tempo e dedizione, ma verrà ripagato con tanta soddisfazione condita da una pletora di contenuti da provare.

All'interno di questa voce, la scelta del pilota sarà correlata alla modalità carriera, selezionando il nostro pilota. Le prove in cui ci imbatteremo ci consentiranno ad esempio di correre un giro in un determinato lasso di tempo, mantenere ad una certa distanza il nostro avversario, oppure compiere determinate acrobazie nel minor tempo possibile. Si parla pertanto di una decina di eventi suddivisi in quattro micro sezioni differenti le quali allungheranno la nostra esperienza nella modalità giocatore singolo, permettendo di scontrarci in epici testa a testa con i vari mostri sacri del passato.

GRAFICA E MECCANICA DI GIOCO

I programmatori della Milestone, anche stavolta, hanno mantenuto quell'indice qualitativo che da sempre ha contraddistinto la serie. La qualità grafica rimane allineata ai prodotti del passato, senza aggiungere modifiche significative ma neanche perdendo le caratteristiche sino ad oggi raggiunte. Da questo punto di vista infatti è lecito constatare come il lato grafico non sia stato soggetto a variazioni ma di come invece ci si sia voluti concentrare sul completamento della serie aggiungendo la possibilità di percorrere quattro anni di storia motociclistica.

D'altro canto il gameplay si è mostrato eccellente, consentendoci sin da subito di poter decidere il grado di simulazione con il quale affrontare le sfide offerte, passando dai vari aiuti su guida e traiettoria sino a raggiungere i livelli di realismo più spinto. Sarà infatti piacevole, ma spesso anche frustrante, dover dosare efficacemente il pad, sia in accelerazione che in frenata, pena una rovinosa caduta, che, in caso di selezione di un'apposita opzione dal menù, inciderà sul mezzo e sulla salute del pilota.

Ci sentiamo di consigliarvi sin da subito di affrontare la carriera in modalità di massimo realismo; se da un lato è vero che richiede un alto tasso di dedizione e di sfida è altrettanto reale il grado di soddisfazione percepito. Da questo punto di vista non possiamo non citare l'IA degli avversari virtuali: spesso e volentieri li vedremo combattere fra loro per il raggiungimento od il mantenimento di una posizione, così come saranno implacabili nel darci filo da torcere sul mancato mantenimento di una traiettoria. In altre parole, bisognerà rimanere sempre concentrati sulla guida, pagando caro ogni minimo errore.

Lodevole la cura del dettaglio dei menu, con gli intermezzi filmati dalle vere gare, le prove ed i settaggi. Tutto è mirato a garantire il massimo grado di immedesimazione e realismo.

Per quanto riguarda il lato grafico, anche in questa riedizione troviamo l'evolution track che varia man mano che la gara si svolge, noteremo infatti i vari segni dei pneumatici delinearsi giro dopo giro, l'asciugarsi della pista in caso di pioggia nelle traiettorie più seguite giacchè saremo soggetti alle condizioni meteo variabili in ogni gara. In merito alle texture non notiamo un cambiamento rispetto ai precedenti episodi, quanto piuttosto un completamento sul focus dei contenuti.

Il team di sviluppo della Milestone ha, come sempre e per prima cosa, trasmesso la sua passione, tangibile nel realismo della guida. I modelli poligonali dei piloti così come quelli delle moto stesse risultano delineati e ben definiti; lo stesso non si può dire nei tracciati per ciò che concerne gli sfondi così come la mancanza di qualche animazione aggiuntiva negli scontri e nelle cadute. Da notare comunque che il pilota, in caso di fuori pista o di contatti ravvicinati con l'asfalto, porterà sulla tuta i segni delle nostre prodezze.

Malgrado ciò, visto l'alto grado di realismo che questo prodotto sa offrire e la presenza di un periodo giocabile che va dal 2009 ad oggi, rende l'acquisto consigliabile a ogni amante del mondo delle due ruote. Il costo ragionevole strizza l'occhio infine agli indecisi ed ai novizi della serie.
Gli italiani e le moto sono da sempre un connubio che ha generato grandi mezzi e grandi campioni. Superbike Generations rappresenta l'ulteriore sforzo dell'italianissima Milestone di distinguersi dalla massa aggiungendo ad un prodotto già famoso per la qualità simulativa tutta una serie di contenuti che sia l'appassionato della serie sia il neofita del genere devono prendere in considerazione.

Con orgoglio italico: bravi, ragazzi!
PRIMO IMPATTO
GRAFICA
SONORO
GIOCABILITA'
LONGEVITA'
GLOBALE