Recensione PC
Titolo del gioco:
Rollers of the Realm
Anno di uscita:
2014
Genere:
Flipper-Gioco di Ruolo di stampo Indie
Sviluppatore:
Phantom Compass
Produttore:
Atlus USA
Distributore:
Steam
Multiplayer:
No
Localizzazione:
Solo testo, no audio
Sito web:
Requisiti minimi:
Sistema operativo: Windows Vista Processore: Intel Core 2 Duo a 1.8GHz o equivalente Memoria: 2 GB RAM Scheda Grafica: NVIDIA GeForce 7600 GT o equivalente Direct X: Versione 9.0c Hard Drive: 2 GB spazio disponibile
  • Dungeon diversificati
  • Boss da sconfiggere.
  • Mappa e percorso del gioco.
  • Abilità nel gioco.
  • Tutti all'attacco.
  • Combattimento a turni.
  • Stage diversificati.
  • Scontri epici.
  • Mana da raccogliere.
  • Numerosi nemici.
  • Doppio e triplo stage.
  • Combattimentti notturni.
  • Inventario.
Redattore:  Evelina 'Vestalia' Montano                        Pubblicato il:  13/12/2014
Un indie tra GdR e Flipper.
Redattore: Evelina 'Vestalia' Montano


Atlus USA e Phantom Compass hanno presentato a Novembre 2014 "Rollers of the Realm", un titolo a metà tra un Gioco di Ruolo (GdR) e un Flipper. Disponibile per PC in tutto il mondo dal 18 novembre e dal 26 novembre in Europa su PlayStation Vita e PlayStation4 (in Cross-Buy).

CONCEPT DEL GIOCO

Il concept del gioco è caratterizzato da ambientazioni, segreti da svelare e obiettivi da raggiungere, come un vero e proprio dungeon che sostituiscono il classico Flipper. La pallina rappresenta i diversi personaggi giocabili, caratterizzati ognuno da abilità, classe e potenziamenti che si sbloccano durante il gioco.
Rollers of the Realm è composto da sei capitoli (la Città, il Porto, Il Bosco, Il Maniero, la Montagna e la Notte), che vengono raccontati sia con le scene di gioco e i diversi livelli, che da scene di dialogo e filmati che consentiranno al giocatore di conoscere i protagonisti e le loro storie.

Le abilità dei personaggi, che durante l’avventura evolvono guadagnando punti esperienza e abilità di classe, vengono implementate con obiettivi (achievements) da sbloccare per tutta la durata del gioco.
Sono presenti classi di abilità standard di un GdR ed è possibile intercambiarli durante il gioco e la singola partita.

TRAMA DEL GIOCO

Il gioco inizia con unico personaggio la Ladra bambina, che forma una vera e propria compagnia, e attraverso un viaggio descritto nella mappa, inizia un’avventura, ambientata nel medioevo, che la condurrà a combattere ingiustizie e spiriti maligni con l’intenzione di assoggettare il mondo intero, dopo aver superato un totale di sei livelli.
Rollers of the Realm può essere giocato in Modalità Campagna, quindi l’avventura dall’inizio alla fine, o in Modalità Arena, in cinque livelli che consentono al giocatore di guadagnare punti esperienza, poteri ed oro.
I giocatori sono sbloccabili così come l’oggettistica e altre abilità direttamente nel “negozio”, che su questo game è rappresentato dal porto: un luogo importantissimo, in cui i giocatori potranno sbloccare parti dell'equipaggiamento nonchè nuovi personaggi, al raggiungimento di un determinato livello e pagando una certa somma di denaro. Ognuno di questi personaggi avrà degli skills compatibilmente alla classe di appartenenza.



I personaggi sono ben bilanciati tra di loro come si addice ad un vero e proprio GdR e le loro abilità crescono in maniera proporzionata.
La peculiarità è che i 10 personaggi che si incontrano durante la campagna, sono rappresentati dalle classiche palline da pinball: ad ogni personaggio corrisponde un colore e una forma ben caratterizzata. Per esempio la Ladra risulterà abile e veloce, il Guerriero forte e potente tale da infliggere molti danni o la Guaritrice capace di curare le alette del pinball o addirittura resuscitare i membri della compagnia.
Al momento dell’entrata nel Dungeon/Flipper, il giocatore sceglie la pallina più adatta alla situazione, c’è da dire che avendo la possibilita’ di modificare la pallina durante il gioco, si potranno cambiare le sorti della battaglia.

Soltanto nel caso in cui la pallina finisca nella fossa, al di là delle alette, si sarà costretti a ripiegare su un altro personaggio, ovviamente nel caso in cui i personaggi finiscano, si dovrà iniziare nuovamente la partita.
Le palline non sono soggette a danni diretti ma, le alette primarie del pinball, che si distinguono da quelle secondarie, per la presenza di una barra verde che rappresenta la vita, sono soggette ai danni arrecati dai nemici che ne accorciano la linea.
Tutto ciò ovviamente, penalizza il giocatore che potrà scegliere di cambiare personaggio, in questo caso per esempio con la Guaritrice, tenendo una delle due alette sollevate e bloccando la pallina, si potrà sostituire il personaggio.
In alcuni livelli, i nemici sono davvero forti e dotati di armi a distanza, archi o balestre, capaci di recare danni gravi alle alette sino a distruggerle, ed è proprio in questo momento che lo switch con la Guaritrice, permetterà alla compagnia di rigenerare le alette stesse e continuare la partita.

Ogni livello è caratterizzato dalla presenza di una ricca oggettistica, tra cui forzieri pieni d'oro, chiavi che aprono porte e passaggi segreti.
E' richiesto un medio livello di abilità con i tasti quando si affrontano certe stanze, infatti esistono dei tesori/segreti che possono essere svelati solo facendo rimbalzare la pallina in un certo modo e spostandola a destra verso sinistra o al contrario, più o meno velocemente.

Nell’ultimo livello di ogni capitolo si incontra il boss di turno, che si può sconfiggere utilizzando il personaggio più adatto, ad esempio contro i non morti il Monaco è decisamente il piu’ potente, infligge danni molto gravi alle sue vittime. Su questo punto aggiungiamo che gli scontri con i boss sono la parte peggiore del gioco, in quanto da’ l’idea che sia stato preso il modello del nemico base e gli sia stata attaccata sopra la barra dell'energia (i nemici standard infatti ne sono privi).
Il gioco si sviluppa in diverse ambientazioni, foreste, prigioni, castelli, catacombe, svelando sempre di più le caratteristiche di un GdR.
La modalità Arena, articolata in 5 fasi, permetterà ai personaggi di guadagnare oro, sbloccare segreti e passaggi segreti e cumulare l’oro con quello già guadagnato dalla Compagnia.

Ringraziamo Atlus USA per averci fornito il Codice Steam per poter effettuare la recensione che avete sottomano.

Il gioco, dal punto di vista del gameplay risulta divertente e realistico, ma da un punto di vista tecnico e principalmente grafico, sembra che il gioco si sia fermato a qualche anno fa.
La caratterizzazione dei personaggi non è male, ma l’estetica rimane un po’ “vetusta”, rispetto all’attuale grafica. Punto a favore per i dialoghi che, pur essendo in inglese, hanno i sottotitoli in italiano.
Anche l’audio e le musiche sono tipiche di un RPG tutto fantasy.
A nostro avviso il pregio di questo gioco è l’originalità dell’idea di aver mixato il genere fantasy con il Flipper, e l’aver creato un gioco divertente.
Per gli amanti del genere sicuramente, un ottimo passatempo, per gli altri un gioco che sa sicuramente divertire ma senza troppe pretese.
PRIMO IMPATTO
GRAFICA
SONORO
GIOCABILITA'
LONGEVITA'
GLOBALE