Anteprima PlayStation 4
<<
<<
Titolo del gioco:
Cyberpunk 2077
Anno di uscita:
2021
Genere:
GDR / Open World
Sviluppatore:
CD Projekt RED
Produttore:
CD Projekt RED
Distributore:
Bandai Namco
Multiplayer:
Assente
Localizzazione:
Completa (audio & video)
Sito web:
Requisiti minimi:
Console della famiglia PlayStation 4 (PS4, PS4 Pro) - Controller DualShock 4 o compatibile - una connessione a banda larga per il download e gli aggiornamenti - spazio su disco da definire
Box
  • [Screenshot ufficiali - non versione PS4]
  • [Screenshot ufficiali - non versione PS4]
  • [Screenshot ufficiali - non versione PS4]
  • [Screenshot ufficiali - non versione PS4]
  • [Screenshot ufficiali - non versione PS4]
  • [Screenshot ufficiali - non versione PS4]
  • [Screenshot ufficiali - non versione PS4]
  • [Screenshot ufficiali - non versione PS4]
  • [Screenshot ufficiali - non versione PS4]
  • [Screenshot ufficiali - non versione PS4]
  • [Screenshot ufficiali - non versione PS4]
Redattore: Tommaso 'Tatsumaki' Alisonno
Pubblicato il: 19-12-2020
Falsa partenza su console per il titolo più atteso dell'anno. Com'è, come dovrebbe essere, come speriamo sarà...

Lo aspettavamo tutti, e lo aspettavamo per il 2020: non sarebbe potuto essere diversamente giacché l'icona di riferimento era quel Cyberpunk 2020 che all'inizio degli anni '90 si impose come modello per il gioco di ruolo distopico/pulp. Così, tra rinvii, pandemie e crunch time, alla fine i ragazzi di CD Projekt RED sono riusciti a portare Cyberpunk 2077 sugli scaffali giusto in tempo per i regali di Natale, lo scorso 10 Dicembre. Anche la possibilità che il gioco al lancio potesse avere qualche problema, ammettiamolo, ce la aspettavamo tutti: al giorno d'oggi le probabilità di avere un prodotto perfetto sin dal Day-1 son tutt'altro che alte [sebbene i casi virtuosi non manchino] e i ripetuti rinvii erano certamente un warning sul fatto che i problemi da risolvere erano più che pochi e occasionali; d'altro canto, si spera sempre che il peggio del peggio del peggio sia risolto con una patch rilasciata intorno alla fatidica data.

Ancora: chi è nell'ambiente da tanto o ha comunque già avuto esperienze in passato di hype iperpompati sa bene che il prodotto sullo scaffale non potrà [quasi] mai essere ai livelli delle prime rolling demo mostrate dal devteam. Ciò non di meno quando gli utenti PS4 – noi compresi – si sono trovati in mano la versione release del gioco, un po' a tutti sono cadute in terra le... cyberbraccia. Al di là dei problemi più marchiani – che sono per la maggior parte stati risolti dalla patch 1.04 uscita due giorni dopo la release – il prodotto si presentava infatti in una veste a dir poco imbarazzante, certamente inferiore agli standard a cui l'hardware ci ha abituato [pensiamo a Horizon: Zero Dawn, Red Dead Redemption 2, Final Fantasy VII Remake, Death Stranding e TANTI altri]; quella sensazione, insomma, che spesso si registra eseguendo un software su PC coi requisiti “minimi” e non “consigliati”.

Non parliamo quindi di Crash di sistema [che ci sono] o di compenetrazioni poligonali [che ci sono] né di modelli caricati in ritardo [che ci sono] o texture non caricate per niente [che ci sono, nel senso che non ci sono...]: parliamo di un downgrade grafico da generazione precedente, parliamo di una risoluzione che cala in maniera imbarazzante a livelli di 720p, parliamo di frame rate che raramente si mantiene al di sopra dei 30fps [o dei 20], parliamo di texture e dettagli che sfocano drasticamente a mezzo metro di distanza. Parliamo infine di una Night City che dovrebbe essere viva e pulsante e si riduce ad essere un enorme ambiente per lo più vuoto in cui passeggia qualche sparuto passante senza vita né anima, con una circolazione stradale limitata a poche vetture che talvolta si fermano senza motivo.

Inoltre, il gioco dimostra di avere due marce e due anime: fintanto che si è impegnati nelle missioni legate alla trama principale si è al cospetto di un prodotto sì migliorabile ma sostanzialmente solido ed efficiente; basta però fare un passo nel vasto Open World per rendersi conto che il metro adottato è ben diverso. Una situazione piuttosto imbarazzante tanto per l'utente quanto per il critico [leggasi: recensore] chiamato a valutare il prodotto: una storyline interessante, molteplici personaggi, sotto-missioni e sotto-trame, vasta scelta di personalizzazione del personaggio nell'aspetto, statistiche, talenti, equipaggiamento... e poi tutto si risolve nel tirar fuori l'arma più grossa e sforacchiare tutti perché qualsiasi altro approccio è vanificato dalle limitazioni, il tutto con una grafica da PS3.

Cogliendo dunque al balzo la decisione di Sony di rimuovere il prodotto dal suo store digitale e assicurare un rimborso completo in attesa di una re-release che, se tutto va bene, dovrebbe giungere tra Gennaio e Febbraio, abbiamo deciso di mettere il gioco – e la relativa recensione – in criogenesi. Il consiglio, per ora, infatti è quello di non acquistare il gioco su PS4 [e non è un consiglio nostro: sono le direttive Sony!] finché il team di sviluppo non sarà in grado di garantire una qualità generale degna dell'hardware di riferimento e rispettosa dell'utente finale. Un episodio senza precedenti nel mercato console, destinato a fare scuola e che potrebbe influenzare il mercato futuro. Certo, fa un po' specie perdere la romantica finestra del 2020 [come se quest'anno non fosse accaduto di peggio...] e per qualche altra settimana gli utenti console dovranno fare lo slalom tra gli spoiler e gli sfottò di chi si gode il titolo sul suo “PC Master Race”... ma la speranza è che l'aggiornamento promesso possa veramente rendere giustizia alle aspettative su Cyberpunk 2077.


Stay tuned...

Cyberpunk 2077 non era, banalmente, pronto per il lancio su console. Difficile dire se il team di sviluppo abbia fatto male i suoi conti o quanto i problemi legati alla pandemia siano stati incisivi: la verità nuda e cruda è che la versione PS4 è frutto del frettoloso downgrade di un prodotto che già di per sé abbisogna di qualche ritocco, praticamente senza un briciolo di ottimizzazione, buttato in extremis in pasto al pubblico con la promessa di un update che, però, si farà attendere. Un prodotto che di conseguenza è stato congelato dal mercato stesso e su cui pertanto non ci permettiamo ancora di esprimere un giudizio: per noi, semplicemente, Cyberpunk 2077 NON È ANCORA USCITO SU PS4. Ne riparliamo tra qualche settimana...